Dettagli Recensione

 
Punta Secca di Caprara
Spiagge delle Isole Tremiti
Voto medio 
 
4.0
Mare 
 
5.0
Spiaggia 
 
4.0
Pulizia 
 
5.0
Servizi 
 
2.0

Paradiso subacqueo

La zona è stupenda ed il mare semplicemente meraviglioso. Consiglio di venire qui non fosse altro che per fare qualche foto. Io ne ho messa una tanto per rendere l'idea di che parte stupenda di Caprara stiamo parlando. Il mare è limpido, ha colori accecanti e, salvo certe giornate in cui le correnti sono davvero molto forti, è una goduria per gli amanti dello snorkeling.
E' in questo tratto che si trova anche il famoso Architiello di Caprara, un ponte roccioso naturale lungo circa 6 metri e, vicino, Cala del Grottone, un'insenatura naturale bagnata da acque limpide. Subito dopo si incontrano Punta Romito e il Grosso, caratterizzato da una ripida parete a strapiombo sul mare.
Per chi invece praticasse diving....: PARADISO.
Per dare l'idea delle bellezze subacquee di questa zona, copio il testo preso dal sito del Parco nazionale del Gargano, che davvero rende:
"Un'esplosione di vita si presenta appena rivolgiamo lo sguardo verso il fondo; qui non manca nulla della fauna e flora mediterranea. In moltitudini stordenti si aggirano dal pelo dell'acqua sino al fondo ogni tipo di pesce stanziale e pelagico la prima parte raggiunge poco più di trenta metri di fondo. Ma la parte veramente stordente è solo all’inizio, infatti, percorrendo la parete verso nord andiamo verso una delle più belle immersioni del Mediterraneo. Scendendo lungo la dorsale della secca, già a 40 m, le pareti si ricoprono di fitti rami di gorgonia.Lungo la dorsale, le cui pareti sono ricoperte di enormi rami di Paramuricea dalle punte gialle, si aprono due archi spettacolari di una ventina di metri di altezza e profondità, tappezzati anch'essi di gorgonie. Il primo arco conduce sull'altro versante della parete, ugualmente ricco di vita; il secondo, che si presenta subito all'uscita del primo, vi condurrà nuovamente sul versante dal quale siete pervenuti. Ogni palmo di roccia è ricco di animali bentonici. Sulle gorgonie crescono claveline trasparenti, alla base spugne a candelabro sulle quali qualche calamaro di passaggio avrà probabilmente deposto le sue uova. In risalita osservate gli alcionacei rossi di notevoli dimensioni che crescono sulla roccia. Fra le gorgonie si nascondono poi scorfani, corvine e grandi aragoste. Punta Secca è una zona di passaggio di pesce pelagico e non sarà difficile individuare nel blu le sagome di palamite e ricciole. Le pareti, la volta ed il fondo sono completamente ricoperti di gorgonie, davvero uniche per grandezza e splendore. Ovunque spuntano aragoste, musdee, dotti, cernie, bei branchi di Anthias e poi ancora saraghi fuori misura e gli onnipresenti palamiti e le ricciole che qui trovano tutta la mangianza che la natura può offrire. Come sovrappiù su un masso posto quasi di fronte la prima grotta passante un bel ramo di Corallo nero pare fare da faro ai visitatori. L’immersione è particolarmente impegnativa e da effettuare solo se sub di provata esperienza ed in caso di condizioni meteorologiche ottimali per la frequente presenza di forti correnti anche in profondità."

Trovi utile questa opinione? 

Commenti

 
 
Per Ordine 
 
 
 
 

Altri contenuti interessanti su QSpiagge